Il ministero del Lavoro prende atto che i collaboratori dei mediatori creditizi non possono essere esclusivamente agenti di commercio

Lascia un commento

17 luglio 2012 di Stefano Melia


La direzione generale delle Relazioni industriali e dei Rapporti di lavoro del ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali ha reso noto nei giorni scorsi un documento in cui si prende atto della tesi da sempre difesa dalla Fimaa: i collaboratori dei mediatori creditizi non possono essere esclusivamente agenti di commercio. La riflessione del ministero del Lavoro è stata promossa dall’intervento del segretario generale Fimaa Rossan Asciolla che ha evidenziato, nell’incontro svoltosi lo scorso 31 maggio, a cui erano presenti insieme a Fimaa i sindacati Nidil/Cgil, Fenamec/Felsa/Cisl, R12/Iulca/ Uil e Simedia/Ale/Ugl, che: “l’attività degli intermediari non è analoga a quella degli agenti di commercio. L’intermediario infatti svolge attività di mediazione e non promuove la conclusione dei contratti”.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Lavora con Aessefin!

Richiedi la tua Visura

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire il blog e ricevere gli aggiornamenti

Segui assieme ad altri 438 follower

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: