Via Nazionale da un conflitto di interessi all’altro

Lascia un commento

21 dicembre 2012 di Stefano Melia


Di fronte a un conflitto d’interessi probabilmente disinnescato, sembra che su Banca d’Italia e Cassa Depositi e Prestiti ne sia piombato un altro. Il fatto è che cedendo al Fondo Strategico Italiano il 4,5% di Generali, Palazzo Koch ha deciso di mettere un piede pesante nella galassia che fa capo a via Goito. Bankitalia infatti rileverà il 20% del Fondo stesso, che fa capo proprio alla Cassa guidata dall’ad Giovanni Gorno Tempini. Peccato però che la Cdp rientri in quella categoria di intermediari finanziari sui quali, secondo il Testo Unico Bancario, Bankitalia esercita comunque una vigilanza. Insomma, il vigilante che in parte controlla il vigilato. Esattamente la stessa formula che gli attori sulla scena volevano evitare con Generali. Già, perché è appena il caso di ricordare che Via Nazionale, tramite la nuova authority che si chiama Ivass, di fatto dovrà controllare il settore assicurativo. Proprio per questo non era più possibile rinviare la cessione della partecipazione nel Leone. L’operazione non ha certo mancato di suscitare brusii tra gli osservatori. Al punto che ieri, in occasione di una conferenza stampa organizzata nella sede della Cdp, il tema è riemerso. MF-Milano Finanza ha chiesto ai vertici della Cassa, oggi controllata al 70% dal ministero dell’Economia e al 30% dalle Fondazioni bancarie, lumi sulla situazione che si è venuta a creare. Gorno Tempini ha spiegato che è vero che la Cassa è sottoposta alla vigilanza di Bankitalia, ma ha precisato che «si tratta di una vigilanza speciale, non ordinaria», visto che Cdp non può essere sic et simpliciter considerata un istituto di credito. La specialità di questa vigilanza, ha proseguito l’ad, consiste nell’avere «una natura informativa e periodica». La realtà è che sempre di vigilanza si tratta e certo non così vellutata. Altrimenti non si spiegherebbe come mai per alcuni mesi la sede della Cdp sia stata assiduamente frequentata dagli ispettori della Banca d’Italia. I quali non hanno lesinato rilievi nei confronti di diversi aspetti che connotano la Cassa presieduta da Franco Bassanini. Secondo quanto è stato possibile ricostruire in quelle occasioni, per esempio, non è mancato chi ha fatto rilevare come le partecipazioni di Cdp viaggino ormai ben oltre i 30 miliardi di valore, ormai più del doppio di un patrimonio netto arrivato ai 15 miliardi. E c’è stato anche chi, in questo senso in pieno accordo con le esigenze rilanciate anche dai vertici della Cassa, ha fatto notare che, per come si sta evolvendo e per come sta allargando il suo perimetro, la struttura non ha le necessarie risorse umane. «Abbiamo poco più 500 persone», ha rimarcato ieri Bassanini, «ovvero intorno a un decimo di coloro che lavorano per le nostre cugine francesi e tedesche». Sulla questione del conflitto di interessi, ha ancora detto Gorno Tempini, «tra noi e Banca d’Italia c’è stata una trasparenza completa». Proprio per questo, però, a molti è parso come minimo strano aver riprodotto la stessa situazione tra Via Nazionale e Via Goito, con la non totalmente decisiva giustificazione di una vigilanza di natura speciale. Peraltro andando a calpestare un terreno da sempre ambiguo e sdrucciolevole come quello del tipo di vigilanza che Bankitalia deve esercitare su Cdp. Un tema mai completamente definito.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Lavora con Aessefin!

Richiedi la tua Visura

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire il blog e ricevere gli aggiornamenti

Segui assieme ad altri 438 follower

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: