Arriva l’accordo di Basilea sulla liquidità

Lascia un commento

7 gennaio 2013 di Stefano Melia


Avanti piano con le riserve obbligatorie di liquidità da imporre alle banche, per aumentare la robustezza degli istituti di credito del globo di fronte a future crisi.
Ieri sera, in sostanza, i governatori dei 27 Paesi membri dei Supervisori e del Comitato di Basilea, dopo il fallimento delle trattative nel dicembre scorso, hanno deciso all’unanimità un approccio graduale, che prevede l’introduzione del 60% delle nuove riserve minime obbligatorie (Liquidity Coverage Ratio, Lcr) entro il 2015, e il loro progressivo aumento del 10% annuo, fino ad arrivare al 100% entro il 2019. Si tratta di un approccio «più realistico» per i nuovi cuscinetti di liquidità che le banche, per la prima volta, dovranno prevedere in tutto il globo per le crisi, come ha spiegato ieri sera Mervyn King, governatore della Bank of England, nel corso della conferenza stampa tenuta a Basilea, insieme al governatore svedese Stefan Ingves. In quanto, ha aggiunto, «non ha senso imporre parametri che sacrifichino l’espansione del credito» nell’economia reale, il cui impatto, peraltro, era particolarmente temuto dai governi e dal Fondo monetario internazionale.
I dettagli dei nuovi requisititi per le riserve di liquidità, contenuti in una sessantina di pagine, e rivisti rispetto alla prima formulazione del 2010, costituiscono una «componente essenziale» delle nuove regole di Basilea 3, e saranno pubblicati oggi nella tarda mattinata, aprendo una settimana importante. Con gli occhi dei mercati puntati sul primo round atteso giovedì per il «trialogo» fra Commissione europea , Consiglio e Parlamento europeo sui nuovi tempi di attuazione delle regole di Basilea 3 (un altro appuntamento è previsto per il 15 gennaio), riguardanti i nuovi requisiti di capitale più stringenti per le banche, originariamente previsti per l’inizio di quest’anno ma rinviati probabilmente alla fine di quest’anno o all’inizio del 2014, per permettere agli Stati Uniti di adeguarsi alle nuove norme. Sempre giovedì, inoltre, ci sarà la conferenza stampa mensile della Banca centrale europea, che sarà seguita dalla presentazione delle nuove banconote da 5 euro.
Ma già ieri King, in qualità di presidente dei Supervisori del Comitato, e il governatore Ingves, alla guida del Comitato di Basilea, dopo la pubblicazione di brevi comunicati stampa, hanno spiegato che «la maggior parte delle banche già rispetta oggi i “liquidity ratio” decisi, in quanto dispongono per ora di liquidità sufficiente prestata dalle banche centrali». E quindi l’introduzione graduale dei nuovi standard di liquidità permetterà agli istituti di «adattarsi» al periodo di transizione, senza far mancare i crediti all’economia reale, ma assicurando che le banche avranno «sufficienti attività liquide di elevata qualità», per superare una situazione di stress acuto della durata di 30 giorni, e «per evitare che le banche centrali diventino il prestatore di prima istanza» nelle crisi di liquidità.
Nella riunione di ieri inoltre è stato anche approvato un nuovo Statuto per il Comitato e discussa l’agenda di medio termine.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Lavora con Aessefin!

Richiedi la tua Visura

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire il blog e ricevere gli aggiornamenti

Segui assieme ad altri 438 follower

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: