La jv Vita con Axa ricapitalizzata con 70 milioni

Lascia un commento

30 gennaio 2013 di Stefano Melia


Qualche legittima richiesta di chiarimento, come documentano le relazioni dei consigli di amministrazione più infuocati, l’hanno sollevata. Ma a ogni pubblica occasione i francesi di Axa non hanno mancato di sottolineare che il loro rapporto d’affari con ilMonte dei Paschi di Siena, anche dopo l’arrivo al vertice del tandem Fabrizio Viola e Alessandro Profumo, è ottimo.

Una relazione nata nel 2007 con l’ingresso del colosso francese nell’azionariato della banca (di cui oggi detiene il 3,72%) e soprattutto con l’avvio delle due joint venture assicurative Axa MpsVita e Axa Mps Danni affidate a Frederic de Courtois, manager proveniente dal gruppo di Parigi con la presidenza di Silvano Andriani.

Relazione che proprio qualche settimana fa, secondo quanto risulta a MF-MilanoFinanza, si è fatta ancora più stringente perché i due partner hanno deciso di aumentare il capitale delle due compagnie, specie di quella Vita, la più grande, che ha ottenuto un’iniezione di liquidità di 70 milioni, passando da 499 a 569 milioni. L’operazione è stata dettata dalla volontà di realizzare una gestione prudenziale del bilancio, spiegano fonti vicine al dossier. Perché tecnicamente quei 70 milioni di euro (per metà versati da Axa e per il resto dal Monte Paschi, visto che la jv è paritetica) non sono nuove risorse, ma provengono da riserve di utili accumulati negli anni passati che non erano stati distribuiti. Ora però, anche alla luce della volatilità dei mercati dell’ultimo anno e mezzo, i due partner hanno deciso di rinunciarci definitivamente e di utilizzarli per incrementare la stabilità del bilancio compagnia. Tecnicamente attraverso una doppia operazione. Prima è stato staccato il dividendo e contestualmente i due soci lo hanno messo a disposizione per aumentare il capitale di Axa Mps Vita, anche a sostegno della crescita di raccolta che la compagnia avrebbe realizzato nel 2012. E un’operazione simile è stata fatta per Axa Mps Danni che ha aumentato il capitale da 25 a 39 milioni.

Nel 2011 la joint venture aveva chiuso con premi in calo (3,5 miliardi la raccolta Vita e 115 milioni il Danni), come il resto del mercato, ma con un utile di 106,8 milioni, dei quali 7,5 milioni erano stati distribuiti agli azionisti. E per il 2012 era atteso il grande salto, con l’ingresso nella fase due della bancassicurazione con Axa Mps che puntava a raggiungere una posizione di leadership nel mercato della previdenza dell’Rc Auto allo sportello. Piani di crescita in buona parte realizzati. Ora per sostenerli è arrivato anche il rafforzamento patrimoniale.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Lavora con Aessefin!

Richiedi la tua Visura

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire il blog e ricevere gli aggiornamenti

Unisciti ad altri 438 follower

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: