Carige si rafforza con 800 milioni

Lascia un commento

26 febbraio 2013 di Stefano Melia


Carige vara la fase 2 del progetto di rafforzamento patrimoniale delineato un anno fa. Dopo il perfezionamento dello spin-off con la nascita di Carige Italia (per la gestione degli sportelli fuori dalla Liguria), che ha portato benefici economici per un ammontare complessivo di 715 milioni per i bilanci individuali delle due banche spa e di 259,3 milioni a livello consolidato, adesso parte il piano di adeguamento patrimoniale, in quanto la banca è rientrata nel novero degli istituti italiani di rilevanza europea.

Ieri il cda ha deliberato «il rafforzamento della struttura patrimoniale ed economica» che prevede un adeguamento complessivo di 800 milioni tra cessione di asset non core e ricorso al mercato dei capitali. Tra le attività da valorizzare potrebbero finire le due compagnie assicurative (la Danni e Vita Nuova) che negli ultimi anni sono state oggetto di importanti ristrutturazioni. Ma non è da escludere che si vendano anche le partecipazioni nell’Autostrada dei Fiori (16,6%), in Infrastrutture Lavori Italia (7%) ed Esaote (8,2%). Sono tre gli obiettivi dell’ampia rivisitazione del perimetro aziendale varata ieri dal presidente Giovanni Berneschi e dal dg Ennio La Monica: il raggiungimento «di una dotazione patrimoniale conforme ai più elevati coefficienti richiesti dal nuovo quadro regolamentare»; il reperimento «di risorse più idonee ad affrontare il difficile contesto macro-economico»; la volontà di «sostenere gli investimenti necessari per l’innovazione tecnologia e la rete distributiva».

Senza trascurare la possibilità di «cogliere le opportunità di mercato» con la ripresa.

L’articolata fase 2 del progetto prevede inoltre la rivisitazione della governance e il relativo taglio dei costi, la revisione dal 2014 delle spese generali, la razionalizzazione della rete distributiva e infine «una politica di esodo su base volontaria» che dovrebbe coinvolgere tra il 2013 e il 2017 «oltre 450 dipendenti, con minori costi di personale pari a 30 milioni annui a regime», si legge nella nota della banca.

Intanto, mentre resta aperta l’indagine di Bankitalia sugli adeguamenti degli accantonamenti di bilancio, l’istituto di Genova «ritiene di poter pervenire a una proposta di distribuzione del dividendo in denaro», come già più volte ribadito da Berneschi. A questo punto resta da capire se la Fondazione Carige (primo azionista con il 49,4%) continuerà a sostenere in toto la banca e a partecipare pro quota alla ricapitalizzazione in arrivo o se si diluirà consentendo l’ingresso in scena di nuovi protagonisti, bancari e finanziari.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Lavora con Aessefin!

Richiedi la tua Visura

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire il blog e ricevere gli aggiornamenti

Segui assieme ad altri 438 follower

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: