Mutuo fondiario per estinzione di debiti preesistenti

Lascia un commento

7 maggio 2013 di studex08


Avviene spesso che la banca si accordi con il debitore per trasformare, in tutto o in parte, i crediti chirografari (cioè quelli senza garanzie, o garantiti da semplici fideiussioni), attraverso l’erogazione di un mutuo fondiario. Il vantaggio per la banca è duplice: oltre ad acquisire l’ipoteca, ottiene in dieci giorni – grazie alla formula fondiaria del mutuo – il cosiddetto consolidamento, il cui effetto principale è la non revocabilità, decorsi i predetti dieci giorni, dell’ipoteca.

Ora la Corte di Cassazione ha stabilito, con la sentenza n. 9482 dello scorso 18 aprile, che il mutuo fondiario stipulato sul presupposto di estinguere debiti preesistenti manca della causa tipica, ossia della messa a disposizione del denaro al debitore, ma ciononostante non può essere dichiarato nullo. Tuttavia, la mancanza di causa tipica rende inapplicabili le norme speciali in materia, tra cui appunto il consolidamento in dieci giorni e la non revocabilità dell’ipoteca. 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Lavora con Aessefin!

Richiedi la tua Visura

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire il blog e ricevere gli aggiornamenti

Segui assieme ad altri 438 follower

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: