Mediobanca, l’utile cala del 64,5% in nove mesi

Lascia un commento

10 maggio 2013 di Stefano Melia


UTILE IN CALO DEL 64,5% – Mediobanca ha archiviato i nove mesi chiusi il 31 marzo 2013 con un utile netto in calo a 37 milioni di euro dai 105 milioni di un anno prima, a causa del recepimento dei conti del quarto trimestre della partecipata Generali che avevano visto svalutazioni per 1,3 miliardi. Nel solo terzo trimestre Piazzetta Cuccia registra, per lo stesso motivo, una perdita di 86,6 milioni con un impatto di Generali per 139,5 milioni. Entrambi i dati sono leggermente migliori del consensus di mercato, che indicava per l’utile netto dei nove mesi 30 milioni e per il trimestre un rosso di 95 milioni.

RAFFORZAMENTO PATRIMONIALE – In un contesto operativo particolarmente debole, segnalaMediobanca, l’attività del gruppo è stata indirizzata prevalentemente al rafforzamento della struttura patrimoniale: il Core Tier1 è salito al 12,0% (11,8% a dicembre 20112, 11,1% a marzo 2012), mentre gli indici di copertura del credito sono saliti al 70% per le sofferenze (59% a marzo 2012) e al 47% per le attività deteriorate (37% a marzo 2012).

L’ATTIVITA’ BANCARIA – Per quanto riguarda nello specifico l’attività bancaria, si legge nella nota diffusa da Mediobanca, “proseguono la diversificazione dei ricavi tra corporate e retail, il contenimento dei costi e il continuo monitoraggio della qualità degli attivi”. Nel dettaglio: i ricavi sono scesi a 1,24 milioni (-14% su anno), con la stabilità del segmento retail che ha in parte bilanciato la maggiore volatilità strutturale del segmento corporate, penalizzato dalla riduzione degli attivi e dalla discesa dei rendimenti. I costi sono scesi invece del 6% a 562 milioni, e le rettifiche su crediti sono salite dell’11% a 364 milioni. L’utile lordo ordinario è risultato pari a 319 milioni (-39% su anno).

LE SINGOLE DIVISIONI – Lo spaccato delle singole divisioni mostra un utile netto della divisione Corporate & Investment banking raddoppiato a 176 milioni, grazie alle riprese di valore sulle attività finanziarie (12,9 milioni contro rettifiche per 177,6 milioni un anno prima) che hanno parzialmente compensato il calo dei ricavi. CheBanca!, l’anima retail del gruppo, ha ridotto la sua perdita a 11,4 milioni con un aumento dei ricavi a 114,6 milioni da 107,1 milioni e costi in calo del 17,3%. La divisione Principal Investing mostra una perdita di 211,5 milioni e sconta le perdite operative legate a Generali, che nei nove mesi sono 63,9 milioni, e di Rcs (-37,6 milioni) e la svalutazione già effettuata su Telco per 95 milioni.

INVESTOR DAY – La società ha anche annunciato che terrà l’investor day il 21 giugno per presentare lo ‘Strategic update’, vale a dire l’aggiornamento delle strategie del gruppo per i prossimi anni. La giornata partirà alle 8.30 e si concluderà alle 13.30.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Lavora con Aessefin!

Richiedi la tua Visura

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire il blog e ricevere gli aggiornamenti

Segui assieme ad altri 438 follower

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: